Made in Italy

a 360° su musica e cultura pop
Roto
Posts: 554
Joined: 23 Mar 2017 18:17

Re: Made in Italy

Post by Roto » 09 Jun 2021 16:27

hyperion wrote:
09 Jun 2021 15:48
hyperion wrote:
05 Jun 2021 09:21
Buonissimo ritorno dei miei compaesani New Candys:



Vyvyd (2021)
Rinnovo l'invito ad ascoltarlo. Una delle migliori recenti uscite Psych-Shoegaze-Rock.
Appena posso ascolto

User avatar
Azrael1793
Posts: 1025
Joined: 07 Jan 2012 01:43

Re: Made in Italy

Post by Azrael1793 » 24 Sep 2021 16:50

Figata made in italy (almeno come distribuzione)
https://daily.bandcamp.com/label-profil ... tification
io ho un paio di cassette, esteticamente fantastiche
"Not Knowing What Is And Is Not
Knowing, I Knew Not"
Twittah

User avatar
toolipano
Posts: 4655
Joined: 07 Jan 2009 16:14

Re: Made in Italy

Post by toolipano » 10 May 2022 09:20

9 maggio e Liberato canta ancora:

https://open.spotify.com/album/2C6181H1 ... eyqX9DS46w

Un mini-album stavolta... vediamo com'è!

User avatar
dissonance
Posts: 735
Joined: 30 Jul 2017 15:41

Re: Made in Italy

Post by dissonance » 10 May 2022 09:46

toolipano wrote:
10 May 2022 09:20
9 maggio e Liberato canta ancora:

https://open.spotify.com/album/2C6181H1 ... eyqX9DS46w

Un mini-album stavolta... vediamo com'è!
Le melodie dell’omonimo erano più intime, a volte realizzate col solo ausilio della voce. Qui mi pare ci sia una quasi totale rinuncia a momenti di quel tipo, in favore di produzioni sempliciotte di cui si poteva fare a meno, visto che il panorama odierno ne è strapieno (quello italiano chiaramente meno, ma non possiamo sempre accontentarci). Per me grosso passo indietro.

User avatar
toolipano
Posts: 4655
Joined: 07 Jan 2009 16:14

Re: Made in Italy

Post by toolipano » 10 May 2022 09:59

dissonance wrote:
10 May 2022 09:46
toolipano wrote:
10 May 2022 09:20
9 maggio e Liberato canta ancora:

https://open.spotify.com/album/2C6181H1 ... eyqX9DS46w

Un mini-album stavolta... vediamo com'è!
Le melodie dell’omonimo erano più intime, a volte realizzate col solo ausilio della voce. Qui mi pare ci sia una quasi totale rinuncia a momenti di quel tipo, in favore di produzioni sempliciotte di cui si poteva fare a meno, visto che il panorama odierno ne è strapieno (quello italiano chiaramente meno, ma non possiamo sempre accontentarci). Per me grosso passo indietro.
Dopo un solo ascolto purtroppo sento di condividere la tua opinione. Aveva già fatto uscire roba così in passato. Però visto che il nome dell'album è Liberato II onestamente mi aspettavo qualcosa di livello. Mi sembra anche meno curato a livello di suoni/produzione.
Ci riprovo nel pomeriggio per un giudizio definitivo.

User avatar
Neve
Posts: 983
Joined: 11 Feb 2010 13:55
Location: Firenze

Re: Made in Italy

Post by Neve » 20 May 2022 15:51

Io letteralmente a rota.

User avatar
toolipano
Posts: 4655
Joined: 07 Jan 2009 16:14

Re: Made in Italy

Post by toolipano » 22 Jul 2022 22:17

Molto bello sto live di Liberato, in versione semiacustica:



Solita produzione audio/video stellare.
Comunque alla fine col nuovo disco ci ho fatto pace. La prima metà soprattutto è valida!

HollisWyatt
Posts: 68
Joined: 06 May 2016 13:03
Location: Napoli

Re: Made in Italy

Post by HollisWyatt » 24 Jul 2022 08:34

Visto live, li è dove vivo io, a Monte di Procida. :lol:
Bel progetto quello di Liberato

BuddyHolly
Posts: 502
Joined: 07 Jul 2017 11:27

Re: Made in Italy

Post by BuddyHolly » 29 Nov 2022 15:32

è una settimana che ho riscoperto Battisti. Mi ci sono chiuso veramente a merda, e devo dire che era veramente un gigante del pop. Una quantità di pezzi bellissimi invidiabile da molti. Fosse stato americano sarebbe stata una star internazionale al livello di Cat Stevens.

Meriterebbe una retrospettiva fatta bene.

User avatar
Tyler Durden
Posts: 1665
Joined: 15 Jan 2009 11:28

Re: Made in Italy

Post by Tyler Durden » 29 Nov 2022 15:56

BuddyHolly wrote:
29 Nov 2022 15:32
è una settimana che ho riscoperto Battisti. Mi ci sono chiuso veramente a merda, e devo dire che era veramente un gigante del pop. Una quantità di pezzi bellissimi invidiabile da molti. Fosse stato americano sarebbe stata una star internazionale al livello di Cat Stevens.

Meriterebbe una retrospettiva fatta bene.
Grande, grande artista. Concordo. C'è da perdersi nella sua discografia per quante cose buone ci sono: anche - se non soprattutto - fra i pezzi minori. Grandi arrangiamenti, anche molto coraggiosi per l'epoca.
Per varie ragioni io rimango affezionato principalmente a: Anima Latina, Il mio canto libero, Amore e non amore. E anche al primo omonimo ovviamente.

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: Google [Bot], rick81 and 96 guests