Sleeping Beauty

Sleeping_Beauty_315418cStamattina mi è presa voglia di cercare su Facebook alcune persone con cui ho abitato negli anni dell’università. Gente di cui ho perso i contatti da tempo, perché evidentemente non mi interessava averne o perché la vita ci ha distanziati ben prima dell’avvento dei social media.

Gianluca è sposato e fa il ricercatore di chimica in un’università brasiliana, Inaky è tornato in Galizia a fare null’altro che surf e grigliate di pesce sulla spiaggia, Giacomo di Viareggio non l’ho cercato perché fondamentalmente non me ne può fregar di meno di quello che può fare un superficiale come lui, Luca ha ben avviato il suo studio di dietista e ha pubblicamente dichiarato guerra allo zucchero e all’insulina. Stop, con gli altri sono rimasto in contatto, più o meno…

Poi mi ricordo di una ragazza più grande di me, con cui ho convissuto un solo anno, nel 2002 o 2003. Una gran figona abruzzese di nome Valentina, iscritta all’epoca a Scienze Politiche, che faceva persino la cubista in discoteca una volta a settimana per pagarsi l’affitto o un paio di scarpe nuove, che però non trovo su FB. Disdetta. Già mi immaginavo qualche foto in costume e preparavo il messaggino di accompagnamento alla richiesta di amicizia. Mi sono detto… “vabbè ormai sarà sposata con una persona seria, e sarà diventata una professionista che non vuole far sapere i cazzi suoi su Facebook”. Così, come ultimo tentativo l’ho cercata su Google, aggiungendo il nome della sua cittadina di provenienza, che mi sono stupito di ricordare.

E trovo questo articolo datato Marzo 2005 su Il Centro di Pescara. E pure questo di quattro anni più tardi, nel 2009. Poi niente. Nessun aggiornamento. E perdo la parola per tutto il giorno.