10 Best Videos of the Year 2014

Fatte le rituali e consuete chart annuali per la musica, pare giusto anche spendere qualche riga sui video musicali, tante volte snobbati dall’ascoltatore occasionale e che invece spesso regalano perle a patto di soffermarcisi, specie se parliamo dei nostri artisti preferiti, che in un modo o nell’altro non deludono anche quando scelgono e producono cose secondarie alle canzoni in sé. Non meravigliatevi dunque se i nomi che seguono sono grosso modo gli stessi che compaiono nelle classifiche per quanto riguarda canzoni e album, se ci piacciono questi artisti è anche per l’immaginario che decidono di diffondere. Ma veniamo ai video, celebriamo al primo posto l’ultimo dei Mastodon, tra i pochissimi nel panorama metal che riescono ancora a sorprendere e a divertire, con un video delirante e psichedelico dove si danno battaglia delle moderne valchirie a suon di twerking, su uno KCLAzAksfondo non tanto velatamente parodistico nei confronti dei canoni dei video Heavy Metal, da sempre portatori di cattivo gusto e banalità. Punto più alto: sul finale il caleidoscopio acido di fondoschiena, semplicemente trionfale nonostante le solite critiche arrivate dagli ottusi metallari e dai buonisti che ci hanno visto del sessismo anche in un palese scherzo come questo. Un gradino più in basso le ballate di J Mascis e e Jeff Tweedy, video tanto semplici quanto comunicativi (un po’ come le rispettive canzoni), farciti di guest star, Fred Armisen da un lato, e dall’altro Conan O’ Brien, Steve Albini (tra i tanti) e Nick Offerman a regia e produzione, insomma da gustare fino in fondo, e senza perdersi il plot twist finale!Le successive clip sono tutte meritevoli in un modo o nell’altro, abbiamo un poetico e delizioso corto per Flying Lotus, un video dal sapore kraftwerkiano dall’amabile Annie Clark e un vero e proprio quadro in movimento per la nuova arrivata FKA Twigs. In coda chiudono ottimamente New Pornographers con la loro violenta guerra urbana e il duo Thom Yorke / Damon Albarn, che in quanto solisti preferiscono zoomare sulla propria persona, con una lunga sequenza trasudante paranoia per Yorke, ed un’originale sessione di 3D modeling per Albarn, soluzione senz’altro particolare. Fuori di un soffio i sempre chiacchierati Death Grips, che escono con un delirante video a sorpresa, tripudio di glitch art e computer graphic. 

(Qui la playlist su YouTube)

Mastodon – The Motherload

J Mascis – Every Morning

Tweedy – Low Key

Flying Lotus – Never Catch Me ft. Kendrick Lamar

Ariel Pink – Put Your Number In My Phone

St.Vincent – Digital Witness

FKA Twigs – Two Weeks

New Pornographers – War on the East Coast

Thom Yorke – A Brain in a Bottle

Damon Albarn – Everyday Robots