Jesu – Terminus

Jesu – Terminus

Oggi Justin K. Broadrick è uno splendido cinquantenne. Terminus, il suo primo album a firma JESU in sette anni, ce lo ripresenta intento a recuperare le sonorità e il concept originale del progetto, che tanto ci aveva entusiasmato agli esordi, e che in tempi alienanti come questo 2020, suona attuale come non mai.

Lo ammettiamo subito, Terminus riesce solo parzialmente a suonare aggiornato e soprattutto a evitare i paragoni coi vecchi tempi, che invece all’epoca nessuno aveva messo in discussione rispetto ai grandiosi Godflesh. Non vi riesce perché sceglie di continuare ad annacquare la faccenda – prendete un pezzo come quello che proponiamo in coda all’articolo – e di celebrare le influenze in modo fin troppo sfacciato (se durante l’epilogo di “Give Up” sarete convinti di essere arrivati in fondo a Loveless dei My Bloody Valentine, non vi preoccupate, non sarete stati i soli). Altrimenti, nell’insieme e a partire dalla titletrack, Terminus sa destare l’attenzione di chi ha provato a crederci ancora una volta. Ecco, i diciotto minuti che vanno dalla prima nota di basso di “Terminus” alla conclusione ambientale di “Sleeping In” sono esattamente quanto vorremmo sempre e comunque dal nostro, anziché profusioni oniriche che ammiccano a chi nel 2020 ancora non si è rotto i coglioni dei Sigur Rós.

Certo che i dischi imprescindibili di/dei JESU restano i primi pubblicati dall’indimenticata Hydra Head, l’etichetta di Aaron Turner (ISIS, Sumac, etc.), ovvero l’omonimo LP del dicembre 2004, il successivo full lenght Conqueror (2007, finito anche nella nostra TOP 100 anni ’00), e l’iniziale mini Heartache (2004), con cui Justin aveva posto le basi del progetto. Quanto avvenuto successivamente a Conqueror è risultato quasi sempre materiale già scaduto al momento dell’uscita, che nulla aggiungeva e anzi, qualcosa toglieva alla poetica e quindi al concetto originale da cui JESU era (ri)sorto. 

In questo senso Terminus prova a portar pace presso chi è rimasto scottato dall’inconsistenza e dalla ridondanza di release in cui Broadrick sembrava aver perso la formula che l’ha portato a ricavare bagliori di luce dal profondo oscuro della sua solitudine. Quell’industrial meccanico, alienato e sentimentale suonato assieme a Ted Parsons (batteria) e Diarmuid Dalton (basso) era l’aggiornamento ideale dell’esperienza Godflesh, e una delle più sincere realtà della scena post metal, di cui faceva parte in qualità di padrino.

Ci piace ancora sostenere questo artista, e ci piacerebbe potergli dare qualche punticino in più nel rating finale, ma siamo ancora troppo lontani dall’intensità emotiva con cui è capace di trascinarti nella sua spirale. Non è neanche questione di stile o di songwriting. Justin è in grado di scavarti dentro, mentre con Terminus riesce solo ad appoggiarti una mano sulla fronte per chiederti se stai bene o hai la febbre. 

 

Sono un pubblicitario prestato al mondo del vino. Una notte ho sognato che vincevo al SuperEnalotto, e coi soldi vinti aprivo il miglior negozio di musica di sempre, dove si ascoltava e si vendeva solo la musica che dicevo io. Se qualcuno non era d’accordo, quella era la porta. Se fallivo, fallivo. Se facevo successo, chiamavo Mark Hollis a suonare in acustico e Oneohtrix Point Never a fare un DJ set.
Mentre attendo che ciò diventi realtà, ho aperto con un po’ di amici di lungo corso forumistico questo posto, dove mi rifugio tutti i giorni, non appena posso.

Una volta ho quasi sfiorato la mano di Michael Stipe. Ho l’autografo di Maynard James Keenan. E anche quello di Aaron Turner. Conosco Burial personalmente.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi