David Foster Wallace

... e tutto ciò che è cultura (o quasi)
User avatar
Civilized Worm
Posts: 148
Joined: 17 Jan 2009 13:41
Location: Roma
Contact:

Re: david foster wallace

Post by Civilized Worm » 05 Jul 2012 17:24

absent friend wrote:Eh la madonna. Ci ho dato un esame su. Ti vuoi male a tal punto?
No mi voglio male a tal punto che dopo aver seguito i vostri consigli e letto "La Scopa Del Sistema" passerò probabilmente a Wallace in lingua, vedrò di non cominciare con Infinite Jest ma sono certo che quello lo leggerò in lingua. Quasi certo.

Comunque lascio perdere "Il Re Pallido", avete ragione ho dato una sfogliata, lette una 30ina di pagine e non mi ha invogliato, anzi, con questo caldo mi ha fatto sudare il doppio.

Vada per la scopa, man mano che lo leggo cercherò di esprimermi.

User avatar
Decades
Amministratore
Posts: 15791
Joined: 02 Jan 2009 22:21
Contact:

Re: david foster wallace

Post by Decades » 08 Oct 2012 12:25

Molto belli almeno metà dei racconti presenti in La ragazza dai capelli strani. Un paio mi hanno fatto invece lo stesso effetto di Vineland, ma si perdona perché si apprezza il fatto che in ogni racconto abbia utilizzato uno stile diverso, più o meno. Buoni sia per iniziare sia per trovare o ritrovare la voglia di approfondire l'autore o riprendere cose già lette.
Image

User avatar
AripRne
Posts: 521
Joined: 12 Jun 2014 18:57
Location: Cervia
Contact:

Re: David Foster Wallace

Post by AripRne » 19 Oct 2014 13:07

Avendo da poco terminato la lettura di Infinite Jest sto cercando di riordinare un po' le idee.

Posto che di letteratura americana ho letto veramente poco, per me è assolutamente un unicum. Non tanto a livello tematico, quello è, tra grosse virgolette, "meno importante", ci sono molti romanzi più diretti e fruibili che dicono "cose più interessanti", se vogliamo anche più profonde. Ma la quantità di temi teorici e domande fondamentali toccati nevralgicamente è veramente importante. Ciò che lo rende, a mio avviso, un autentico capolavoro, sono primariamente lo stile e la modalità di intreccio. Prendi la tecnica del montaggio, portala agli estremi e falla letteralmente esplodere; incasina tutta la dimensione cronologica, dissemina la trama in una infinità di note e sottonote, nomina un personaggio una volta ogni duecento pagine, elimina una qualsiasi unità di focalizzazione e punto di vista, rivela chiaramente la fine del libro nelle prime 100 pagine senza che il lettore se ne possa accorgere veramente (no, non è uno spoiler, perché alla prima lettura è impossibile cogliere quei particolari di cui sto parlando, perché del tutto irrelati per uno che non sia arrivato almeno a pagina 800 con una certa attenzione). Ciò che ho veramente amato è la confusione. L'entropia. È un libro che si comporta come la realtà contemporanea nella sua caoticità. Durante la lettura di tutta la prima metà mi sono veramente scervellato per starci dietro, perché non mi accontentavo di non sapere in che contesto un determinato personaggio parlava, quale fosse la sua età, a volte addirittura che personaggio fosse. Sono arrivato a stilare una cronologia per ordinare i vari anni sponsorizzati e capirci qualcosa prima che venisse esposta chiaramente dal libro stesso. E anche andando avanti, quando ero ormai verso la fine, leggendo determinati particolari mi si accendeva la lampadina, e tornavo nella prima metà, rileggevo alcune parti, ricontrollavo note, perché intuivo che c'era un collegamento volutamente lasciato nascosto, o meglio, non esplicitato.

Quanto segue, invece, è uno spoilerone vero e proprio:
[spoiler]Se non ve ne siete accorti, il finale non è aperto. A pagina 20 viene chiaramente detto che Hal e Don Gately - che quindi si è salvato - dissotterrano la testa di J. O. Incandenza, dentro la quale si trova la cartuccia di Infinite Jest, come viene fatto intuire nel colloquio con il conversazionalista che inizia a pag. 32. Non è chiaro in quale momento sia stata impiantata nella testa di J.O., se prima o dopo il suicidio: se la risposta fosse "prima" questo spiegherebbe la modalità del felo de se come un tentativo di distruggerla; in caso contrario sarebbe un modo per dare spazio al suo inserimento, nell'ambito della dovuta "ricomposizione" della sua testa esplosa. La condizione psichica finale di Hal (cioè quella presentata a inizio libro) potrebbe tra l'altro essere dovuta all'eventuale visione della cartuccia, e non solo all'astinenza dalla cannabis. Come viene rivelato, in realtà è proprio per Hal che J. O. ha creato Infinite Jest, non si capisce in maniera quanto inconsapevole rispetto al risultato - Joelle dice che scherzava, che era tutto per scherzo: però le varie comparse sporadiche della cassetta sembrano essere proprio vendette personali di J. O. verso determinate persone, ordinate attraverso il testamento, come nel caso dell'attaché medico che è collegato alla comparsa della scritta sul vetro dell'automobile di Avril.

Se qualcuno vuole più particolari su queste cose lo dica, faccio un post con i numeri di pagina di riferimento.[/spoiler]

Dallo spoiler emerge uno dei motivi per cui ho amato il libro: ti obbliga a lavorare di cervello, e tanto. Primariamente per la trama, ma anche e soprattutto a livello lessicale. Mi sono segnato una miriade di parole provenienti da vari lessici specifici, cercandole ogni volta nel dizionario. Alcune le ho addirittura fatte involontariamente mie, e a volte mi escono in conversazioni banali in cui risultano incomprensibili. Stesso discorso a livello sintattico: quelle subordinate infinite ti impongono di restare lì, e fare attenzione. Non necessariamente fermarti e tornare indietro, perché dopo un inserto lungo mezza pagina Wallace ha almeno il buon gusto di ripetere a titolo informativo il punto che aveva lasciato in sospeso: pratica interessante per creare un effetto di confusione evidente mantenendo una sostanziale intellegibilità. A livello stilistico l'ho amato per questo: crea l'effetto del parlato senza mai pretendere di essere parlato. Tutto è chiaramente ordinato e non casuale, ma abbastanza incoerente in certi contesti da sembrare spontaneo.


Sui temi principali:

- Droghe e dipendenza: Aspetto interessantissimo, per quanto mi riguarda mai approfondito fino a questo punto. Mi ha dato molto anche perché si tratta, indirettamente, di un discorso sull'intelligenza umana, sul fatto che comprendere e analizzare la realtà significhi essere tristi e perdere le speranze: solo coloro che accettano la realtà invece di sviscerarla, che smettono di desiderare e vivono in ogni istante invece che in un'ottica teleologica riescono a sopravvivere, ovvero ad uscirea dalla dipendenza. AA = salvezza nella banalità dell'esistenza, mi viene quasi da dire che Gately sembra un personaggio mitico-religioso. Tutta la problematica della dipendenza è legata all'atto di fede, se uno ci riflette un'attimo, in maniera molto profonda.
Qui la pecca è la ripetitività, Wallace si dilunga troppo su certi concetti ormai triti e ritriti: ma, in un certo senso, questa è l'essenza stessa del programma AA, il modo in cui e per cui funziona, e lo si può intendere come una volontà di farlo percepire direttamente a partire dal testo.

- Intrattenimento: ovviamente del tutto collegato al lato droghe, ma più generalizzato. È forse qui che Wallace tocca il picco più altro. È una critica fortissima al rinnovato edonismo contemporaneo; se viviamo solo per il piacere, cosa resta veramente di noi? Porta il problema dell'annullamento nella dipendenza (come nel caso dell'eroina) su un piano molto più ampio e condivisibile perché tocca una dimensione che ci accomuna tutti, appunto quella dello spettacolo, che è effettivamente la dipendenza del 90% delle persone che non si drogano.

- Politica e pulizia: c'è il concetto dell'identificazione del nemico per garantire l'unità sociale, da Macchiavelli a Umberto Eco, c'è il problema attualissimo dell'ambientalismo, il Partito Pulito degli USA lo trovo, nel suo essere estremamente parodistico, qualcosa di geniale: una delle perversioni dei nostri tempi è proprio l'idolatria dell'asettico, l'illusione del tutto infondata che qualcosa di pulito sia qualcosa di buono e affidabile, il che va a toccare i più profondi abissi della storia umana (c'è un motivo se si chiama pulizia etnica) e il problema fondamentale della nostra visione dell'altro: è illuminante quella parte dove Mario stringe la mano ai barboni, del tutto secondaria rispetto alla trama ma concettualmente importantissima anche per comprendere il personaggio di Mario

- Complottismo e terrorismo: forse questa è la parte un pochino più debole, che risulta più diciamo irrelata, anche se gli AFR hanno qualcosa di bizzarramente romantico (da quando ho finito il libro ogni volta che vedo un mendicante senza gambe aumento istintivamente il passo :unsure: ) e il personaggio di Marathe è la prova tangibile che, pur nel male viscerale che domina la logica ONAN, quella dei quebechiani non è una soluzione o qualcosa di migliore: profondissimi d'altro canto i dialoghi tra Marathe e Steeply, una riscrittura dialogica molto immediata dei problemi costitutivi dell'etica occidentale. Ci sono altre zone narrative che comunicano molto meno tuttavia, e se si esclude Marathe tutta la parte di trama relativa agli AFR è quella più debole: ci si salva giusto perché ammazzano la gente e quindi l'attenzione non se ne scappa via.

- Sport e Tennis: capisco che questo aspetto possa risultare noioso per molti. Per quanto mi riguarda il tennis è praticamente l'unico sport che seguo davvero e che mi piace, quindi ogni volta che partiva su quella linea ero contento come una pasqua: capisco però che non sia di sicuro un tema così condivisibile, e forse è anche quello trattato meno metaforicamente, sembra paradossale ma se tutti gli altri aspetti creano collegamenti forti a livello inconscio tutta la questione Tennis è più debole, eccetto per qualche raro esempio e per l'Escathon, che è un'altra storia. Ciò che è importante in realzione all'ETA è la parte legata all'educazione a alla condizione psicologica dei ragazzi: quello sì che dice molto sulla interiorità umana, sul fatto che per resistere e andare avanti bisogna stare dietro alla carota, ovvero l'obbiettivo: togli a un uomo il suo obbiettivo e resterà un involucro vuoto di percezione e astrazione - esattamente come accade ad Hal nella parte finale.

- Deformità e menomazione: Mario, Joelle, gli AFR, Pat, vari personaggi secondari alla Ennet, si perde il conto. Il rapporto col diverso è una presenza costante nel libro, e nella maggior parte dei casi i menomati sono personaggi positivi, e per un motivo teorico abbastanza semplice: la deformità del proprio aspetto esteriore implica l'impossibilità del narcisismo, e quindi una necessaria autocritica del proprio sé, che da un punto di vista sia conoscitivo che morale è l'esatta differenza tra l'essere o no dalla parte del giusto. Orin, il bello, atleta di successo, è il personaggio forse più psicologicamente disturbato del libro, proprio perché non se ne rende davvero conto, non è in grado di ammetterlo, non critica mai se stesso e da la colpa agli altri, di cui ha bisogno compulsivamente ma per cui non riesce a provare assolutamente nulla. Mario è l'esatto contrario: orrendo, quasi incapace di muoversi, ritardato, e così via. Ma chi dei due è più felice? Chi dei due si rende conto di come stanno le cose? Mario sa molto di più sulla vera condizione delle persone che gli stanno intorno di quanto Orin riesca anche solo lontanamente ad immaginare. Mario dice a Hal che cosa fare: Orin chiede ad Hal che cosa fare. È un paradosso estremamente profondo e significativo.


C'è di sicuro altro, ma per il momento mi fermo qui. Aggiornerò magari più avanti.

Il giudizio generale per me è più che positivo. Si può parlare di capolavoro, questa è la mia impressione. Poi di sicuro c'è a chi piacera più e a chi meno, per vari motivi, ma senza dubbio è un must leggerlo: lo consiglierei a qualunque lettore con un po' di esperienza, a priori, nonostante la complessità e la lunghezza. Se lo spari a un neofita si ammazza a pagina 50 ovviamente: ma fa parte del gioco, o meglio, dello scherzo.
Last edited by AripRne on 21 Oct 2014 10:39, edited 7 times in total.
C I N O B A L A N O S + Kimono Lights

> For Change is what we are, my child <

«Finalmente l'orizzonte torna ad apparirci libero, pur ammettendo che non è sereno.» - Nietzsche

User avatar
Messer Dino Compagni
Posts: 1764
Joined: 08 Sep 2014 13:52

Re: David Foster Wallace

Post by Messer Dino Compagni » 28 Nov 2014 12:33

E' difficile usare la parola capolavoro per Wallace con quel suo stile, o meglio dire stili, così eterogenei. A mio parere dentro Infinite Jest ci sono molti capolavori, ma non tutto è un capolavoro. La trama non è affatto aperta, come hai giustamente sottolineato pur tuttavia per giungere al momento del dissotterramento da parte di Don e Hal servono dei passaggi che nel libro sono omessi. Infinite Jest è come una cupola, quello che leggi, ciò che è emerso, è propedeutico e allo stesso tempo superfluo per capire la trama generale, che è un giallo\fantascienza\distopia se vogliamo. Il discorso tra i due agenti segreti sulla montagna è la trasposizione letteraria e nell'orizzonte diegetico di quella che è stata una famosa discussione filosofica tra Karl Jaspers e Martin Heidegger, un carteggio non molto conosciuto ma di estrema importanza per le sorti dell'esistenzialismo. E molti altri ne sono disseminati. Anzi verrebbe quasi da supporre che tutto il romanzo sia un detournament di temi a Wallace molto cari affrontati con il piglio del filosofo che non vuole filosofeggiare. E' un libro che sconsiglio per la mole e per l'umore che mette ma formativo.
Ruin has come not in fire nor in ashen rain
Only in turgid silence, hangin', flayed.

User avatar
ninarena
Posts: 782
Joined: 06 Feb 2011 12:23

Re: David Foster Wallace

Post by ninarena » 12 Dec 2014 15:10

Mi hanno regalato Infinite Jest e volevo chiedere ai più esperti com'è che si legge. Cioè proprio com'è che si tiene in mano?

User avatar
AripRne
Posts: 521
Joined: 12 Jun 2014 18:57
Location: Cervia
Contact:

Re: David Foster Wallace

Post by AripRne » 24 Jan 2015 02:18

ninarena wrote:Mi hanno regalato Infinite Jest e volevo chiedere ai più esperti com'è che si legge. Cioè proprio com'è che si tiene in mano?
ovviamente ci sono vari studi di trigonometria che ti spiegano l'angolazione migliore a seconda di quante pagine hai già letto

io stavo a pancia sotto e tenevo ferme le pagine a lato con una molletta per stendere i panni
C I N O B A L A N O S + Kimono Lights

> For Change is what we are, my child <

«Finalmente l'orizzonte torna ad apparirci libero, pur ammettendo che non è sereno.» - Nietzsche

User avatar
Homunculus1510
Posts: 1665
Joined: 28 Jan 2010 00:09

Re: David Foster Wallace

Post by Homunculus1510 » 24 Jan 2015 11:27

La cosa più ovvia del mondo è che servono due segnalibri.
Why should we feel bad for what we've done? We still got the taste dancing on our tongues.

Online
User avatar
AFX
Amministratore
Posts: 39310
Joined: 02 Jan 2009 17:05
Contact:

Re: David Foster Wallace

Post by AFX » 17 Jan 2017 09:21

Leggevo questo topic (dove per altro c'è sufficiente materiale per un articolo-post per il sito)

Devo cominciare con Infinite Jest?
DoYouRealize

follow me on Twitter

User avatar
Decades
Amministratore
Posts: 15791
Joined: 02 Jan 2009 22:21
Contact:

Re: David Foster Wallace

Post by Decades » 17 Jan 2017 10:03

AFX wrote:Leggevo questo topic (dove per altro c'è sufficiente materiale per un articolo-post per il sito)

Devo cominciare con Infinite Jest?
Secondo me con quello ti rompi presto, un po' per la mole assurda di pagine e un po' perché non conosci il personaggio.

Inizia dai racconti o dai saggi. Quindi prendi La ragazza dai capelli strani o Tennis, tv, trigonometria e tornado. Altrimenti come romanzo La scopa del sistema. Infinite Jest leggilo solo se ti rendi conto che l'autore ti piace.
Image

Online
User avatar
AFX
Amministratore
Posts: 39310
Joined: 02 Jan 2009 17:05
Contact:

Re: David Foster Wallace

Post by AFX » 24 Mar 2017 13:11

ho ordinato Tennis, tv, trigonometria e tornado.
Mi inizio
DoYouRealize

follow me on Twitter

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest