David Lynch

... e tutto ciò che è cultura (o quasi)
Post Reply
User avatar
AFX
Amministratore
Posts: 38342
Joined: 02 Jan 2009 17:05
Contact:

David Lynch

Post by AFX » 09 Sep 2017 08:29

A parte il topic su Twin Peaks, direi a questo punto di aprirne uno apposta per uno dei nostri registi preferiti. In questo topic si può parlare di tutti i suoi film e corti, dei suoi album e collaborazioni.

Con l'occasione, oltre a dire che il mio preferito è Blue Velvet, sopra a Mulholland Drive e a Elephant Man, chiedo:

qualcuno ha capito Inland Empire? Io mi ricordo solo che la prima parte mi piacque molto, poi quando vengono in mezzo i personaggi polacchi e le allucinazioni di lei, non ci ho capito più niente.

Sulla musica, l'ultimo disco per quanto assurdo rispetto ai nostri canoni, se uno dice non è male. E' appunto psych blues cinematografico.
DoYouRealize

follow me on Twitter

BuddyHolly
Posts: 65
Joined: 07 Jul 2017 11:27

Re: David Lynch

Post by BuddyHolly » 09 Sep 2017 19:51

Inland Empire ancora non ho avuto il piacere di vederlo, mi spaventa un po' anche l'estrema durata. Ma rimedierò presto o tardi.
La mia classifica personale è:
1) Mulholland drive
2) Blue Velvet
3) Lost Highway (secondo me il più sottovalutato della sua filmografia)
4) Elephant Man
3 e 4 stanno li. Eraserhead è talmente folle che non ho nemmeno il coraggio di mettercelo. Però a modo suo è un capolavoro.
Reputo Lynch uno dei più grandi registi viventi, anche se comprendo che PUO' non piacere, anche se chi ama il cinema davvero non può non amarlo. Il suo stile inoltre mi fa impazzire, essendo grande fan del surrealismo e del mondo onirico/visionario, quindi sta sicuramente nella top 3 dei miei registi preferiti. Non vedo l'ora di farmi trascinare nel suo mondo di Twin Peaks della terza stagione.

User avatar
AFX
Amministratore
Posts: 38342
Joined: 02 Jan 2009 17:05
Contact:

Re: David Lynch

Post by AFX » 09 Sep 2017 20:31


il disco è strano il giusto per piacerci. Si può definire modern white blues.


non mi ricordo se l'ho letto sui saggi di DFWallace o altrove, ma avete fatto caso che nei film di Lynch non ci sono quasi mai uomini neri?
Asiatici sì ma pochi (Josie Packard in particolare). C'è un nero in una parte minuscola in Inland Empire. In tutto twin peaks non so se se ne sono visti proprio.

https://thebaffler.com/bread-and-circus ... -again-orr
DoYouRealize

follow me on Twitter

Kyle Barnes
Posts: 11
Joined: 28 Oct 2016 23:07

Re: David Lynch

Post by Kyle Barnes » 16 Sep 2017 00:39

in seguito a un incidente che mi ha costretto a cuccia quasi due mesi, ho scelto, tra i tanti, Lynch per un ripasso generale.
in cima, senza alcun dubbio, ci metto Lost Highway, che considero il suo capolavoro.
distaccato Blu Velvet, seguito da Mullholland Drive (il primo film di Lynch che abbia visto).

ah, approfittando della mia immobilità temporanea, in meno di una settimana ho rivisto le due stagioni di Twin Peaks (ho un cofanetto carino). di notte, confondevo alcuni rumori e i soffi del vento con le note del tema di Angelo Badalmenti. fantastico.

non ho mai visto Inland Empire. i motivi sono due: non voglio esaurire la trilogia della mente e, soprattutto, è un film che temo.

User avatar
Tyler Durden
Posts: 1002
Joined: 15 Jan 2009 11:28

Re: David Lynch

Post by Tyler Durden » 19 Sep 2017 18:34

Inland Empire l'ho visto una sola volta ed è pesantissimo, non penso lo riguarderò. E' intrigante la prima oretta, poi comincia a delirare e l'ultima ora si arriva stremati. Così ti passa la voglia, è proprio troppo.

Mulholland Drive è un gran bel film. Ma è sopravvalutato in giro.
Grande recitazione, grandi musiche, ... ma come trama e sviluppo è troppo sbilanciato. Parte lento e poi accelera troppo.

A me quelli che son rimasti di più alla fine sono Elephant Man, The Straight Story e in parte Lost Highways.
Cuore selvaggio invece è uno dei peggiori film che abbia mai visto.

The Sheltering Sky
Posts: 164
Joined: 06 Nov 2015 10:59

Re: David Lynch

Post by The Sheltering Sky » 19 Sep 2017 23:07

Mi trovo in disaccordo. È un film difficile, ma se piace il Lynch più surreale questo è senza dubbio una delle sue opere migliori. Appare fatto un po' a casaccio (primi piani oggettivamente sgradevoli, ritmo discontinuo, ricorso eccessivo al digitale, altro) ed è questo il bello. Riesce a disorientare tanto quanto Eraserhead e rendere lo spettatore incredibilmente partecipe mostrando la qualsiasi. Certe scene, fuori contesto, potrebbero persino strappare un sorriso, ma calate in quell'atmosfera guadagnano tantissimo per contrasto. La parte finale è meravigliosa e a suo modo catartica. La difficoltà nel distinguere Nikki da Susan (stessa strategia vincente di MD e LH) permette di creare situazioni strepitose. Cosa vorrà dire? Non ne ho la più pallida idea. Affascina e inquieta come se si assistesse a una performance. Tanto mi basta.

User avatar
AFX
Amministratore
Posts: 38342
Joined: 02 Jan 2009 17:05
Contact:

Re: David Lynch

Post by AFX » 20 Sep 2017 11:16

Oggi Blue Velvet è un po' moccioso e naif, però considerato che l'ha fatto con il piccolo budget che gli diedero i De Laurentiis. Però è un grande film che lancia due futuri grandi attori.

Forse Mulholland Drive è quello più completo invece.

Per me il massimo è la prima stagione di Twin Peaks, e alcune delle prime puntate della seconda. Lì c'è tutto. Mistero, ironia, azione, inconscio, surreale..
In Mulholland Drive c'è anche l'ironia (es. la scena del caffé con Badalamenti attore), in Lost Highway che io ricordi no.

Inland Empire è bellissimo nei primi 30-40 minuti, poi sbarella e non sembra sapere dove andare a parare.

i primissimi Eraserhead e The Elephant Man sono stupendi

Cuore Selvaggio non mi piacque per niente, d'altronde se c'è Nicholas Cage che pretendi.
Dune equivale a Everything Now degli Arcade Fire
DoYouRealize

follow me on Twitter

User avatar
Biascica
Posts: 285
Joined: 05 Jan 2015 19:37

Re: David Lynch

Post by Biascica » 20 Sep 2017 13:47

Il problema di Inland Empire è che per capirlo devi leggere guide, ci sono troppi collegamenti paralleli, più che un film è un enigma da risolvere. Visto due volte, pesanti entrambe ma ha alcuni bei momenti.

Mulholland Dr è il film con più ironia: il serial killer, le vicende del giovane regista:D. Ed è anche il suo film più "pop".
In the absence of truth nothing is true, everything is permitted

User avatar
Herberto
Posts: 251
Joined: 09 Dec 2011 15:00

Re: David Lynch

Post by Herberto » 20 Sep 2017 20:19

AFX wrote:
09 Sep 2017 20:31

non mi ricordo se l'ho letto sui saggi di DFWallace o altrove, ma avete fatto caso che nei film di Lynch non ci sono quasi mai uomini neri?
Asiatici sì ma pochi (Josie Packard in particolare). C'è un nero in una parte minuscola in Inland Empire. In tutto twin peaks non so se se ne sono visti proprio.
Ricordi bene. E' il saggio "DAVID LYNCH NON PERDE LA TESTA" contenuto in Tennis, TV, Trigonometria e Tornado.
L'ho riletto giusto poche settimane fa perchè l'ho passato ad un'amica.

A parte adesso Richard Pryor, c’è mai stata, diciamo, anche una sola persona di
colore in un film di David Lynch? Ci sono stati nani, amputati, spastici e
psicotici in abbondanza, ma ci sono mai state altre minoranze potremmo dire più
rilevanti culturalmente? Ispanici? Ebrei ultraortodossi? Gay? Asiatici?... C’era
quella sensuale proprietaria della segheria in Twin Peaks, ma la sua appartenenza
etnica passava quanto meno in secondo piano rispetto alla sua sensualità?
Voglio dire: perché tutti i film di Lynch sono così bianchi?
La risposta ha probabilmente a che fare col fatto che i film di Lynch sono
essenzialmente apolitici. Diciamo la verità: metti insieme bianchi e neri sullo
schermo e automaticamente ci sarà una certa tensione politica. Tensioni etniche,
culturali e politiche. E i film di Lynch non parlano affatto di tensioni etniche,
culturali o politiche. I suoi film si occupano tutti di tensioni, ma queste tensioni
sono sempre in o fra singoli individui. Non ci sono, nei film di Lynch, veri gruppi
o associazioni.


Riguardo il discorso sui suoi migliori film (sottolineando che Lynch insieme a Kubrick è il mio regista preferito in assoluto) MD lo metto al primo posto. Per quanto riguarda gli altri faccio fatica a fare una classifica ma ho notato che avete dimenticato The Straight Story, il meno lynchano di tutti ma ugualmente splendido.

User avatar
Azrael1793
Posts: 836
Joined: 07 Jan 2012 01:43

Re: David Lynch

Post by Azrael1793 » 24 Sep 2017 23:23

Ho visto The Art Of Life che c'è su sky, moderatamente interessante ma trascurabile, specie se conoscete già bene la sua biografia. Il documentario si ferma con Eraserhead e tocca tangezialmente il cinema, si parla della vita di Lynch bambino, poi giovane adulto, e soprattutto dei quadri. Qualche fatto raccontato da lui stesso, suggerisce una lettura vagamente autobiografica di Twin Peaks, se mettiamo in parallelo ciò che ci dice Lynch della sua doppia vita giovanile, e poi quella che fu la storia di Laura Palmer.
C'è questa scena divertente

Eppure il ragazzo non aveva sofferto a quanto pare da giovane, ha solo cose positive da dire sui genitori e la famiglia in cui è cresciuto; l'irrequietezza e inquietudine che lo attanagliano devono essere evidentemente innate.
"Not Knowing What Is And Is Not
Knowing, I Knew Not"
Twittah

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 2 guests