Made in Italy

a 360° su musica e cultura pop
User avatar
Pilgrim
Moderatore Globale
Posts: 6979
Joined: 02 Jan 2009 22:33

Re: Made in Italy

Post by Pilgrim » 21 Dec 2016 11:47

Kyle Barnes wrote:Sono circa due anni che mi sono buttato nel rap italiano.
Uno dei miei lavori è l'educatore professionale. Essendo a stretto contatto con minori, è stato inevitabile fare i conti con il rap. Insomma, credo di aver capito qual è il confine tra il rappaminkia e un buon artista.
Ho comprato decine di dischi, da Fabri Fibra a Nitro, da Marracash a Geimitaiz. Eppure credo che queso quì, oggi, abbia qualcosa in più.
Salmo.
Hellvisback è stato il disco rap più venduto nel 2016 e io lo trovo bellissimo. il 16 l'ho visto in concerto a Milano ed è stata una botta.
Non amo il rap in generale, ma apprezzo qualcosa del mainstream americano. Ho passato un periodo con i dischi degli Outkast a manetta nelle orecchie per dire.
Di italiano seguivo la curiosa storia degli Uochi Toki che però fanno parte di un genere loro e distante da lresto della scena per quanto ci capisco.
Salmo sì, effettivamente per quel poco che ho ascoltato è valido e scrive cose di ottimo livello.
Non mandatemi affanculo come quando ho postato il link della rivista cantautori, vorrei solo sapere cosa ne pensate!
non te la prendere, è un modo di fare un po' generale sul forum, tocca solo farci l'abitudine :D

a parte ciò, una rivista sui Cantautori italiani la trovo eccessiva, la scena è quella che è, nonostante si voglia far passare gente come Motta e Calcutta (bravi per carità) per la nouvelle vague dellla musica d'autore italiana.
Una sola canzone di Lucio Dalla basterebbe a spegnere tante discussioni.

Detto ciò, è uscito il nuovo singolo del prossimo disco di Brunori SAS, ed è una bella canzone:
"Stanco dell'infinitamente piccolo e dell'infinitamente grande,lo scienziato si dedicò all'infinitamente medio."
DYR
DYR Facebook
DYR Twitter Me su lastfm
il famigerato 3rd eye forum

Kyle Barnes
Posts: 11
Joined: 28 Oct 2016 23:07

Re: Made in Italy

Post by Kyle Barnes » 21 Dec 2016 15:41

Ho letto il primo numero, e l'intento, a mio avviso, onesto è quello di prestare attenzione alla scena italiana, non quella di esaltare autori emergenti.
Bellissimo il brano di Brunori. Al più presto recupero l'album.

User avatar
faulty
Posts: 1051
Joined: 27 Jan 2009 22:39

Re: Made in Italy

Post by faulty » 06 Jan 2017 17:45

Comunque quello di Salmo è un bel disco, davvero. Premetto che non riascoltavo robe in italiano da tanto, e che per quanto riguarda il genere ero fermo ai Casino Royale. Certo ha alti e bassi, ma dentro ci sono gran pezzi come questo qui sotto.


User avatar
Starn
Posts: 3687
Joined: 18 Jul 2012 14:02
Location: Siena/Milano
Contact:

Re: Made in Italy

Post by Starn » 06 Jan 2017 17:55

Sì questo forse è il migliore del disco. A me ricorda Run The Jewels alla lontana.
Thomas Borgogni
SoundCloud | Lastfm | Twitter | Rym

User avatar
AFX
Amministratore
Posts: 40655
Joined: 02 Jan 2009 17:05
Contact:

Re: Made in Italy

Post by AFX » 06 Jan 2017 19:15

domani anche nei social
adesso qui
http://doyourealize.it/top-10-made-italy-2016/ la top 10 italiana del 2016
DoYouRealize

follow me on Twitter

User avatar
Azrael1793
Posts: 1004
Joined: 07 Jan 2012 01:43

Re: Made in Italy

Post by Azrael1793 » 06 Jan 2017 19:24

occhio nel paragrafo di Spartiti, Max Collini, con la C
"Not Knowing What Is And Is Not
Knowing, I Knew Not"
Twittah

User avatar
PepperMagik
Posts: 2085
Joined: 07 Jan 2009 22:07

Re: Made in Italy

Post by PepperMagik » 11 Jan 2017 12:03

La classica svista di cui non mi sarei mai accorto anche rileggendo l'articolo 20 volte... :D

A breve Brunori, Baustelle, Fast Animals Slow Kids... L'anno nuovo inizia subito con i pesi massimi in campo!

User avatar
Codex
Posts: 351
Joined: 15 Sep 2014 11:27

Re: Made in Italy

Post by Codex » 13 Jan 2017 01:22

Uscito a sorpresa il nuovo disco di Mecna, Lungomare Paranoia
I used to be carried in the arms of cheerleaders

User avatar
AFX
Amministratore
Posts: 40655
Joined: 02 Jan 2009 17:05
Contact:

Re: Made in Italy

Post by AFX » 13 Jan 2017 21:37

PepperMagik wrote:La classica svista di cui non mi sarei mai accorto anche rileggendo l'articolo 20 volte... :D

A breve Brunori, Baustelle, Fast Animals Slow Kids... L'anno nuovo inizia subito con i pesi massimi in campo!
Baustelle sono in streaming su Spotify
DoYouRealize

follow me on Twitter

User avatar
Decades
Amministratore
Posts: 15898
Joined: 02 Jan 2009 22:21
Contact:

Re: Made in Italy

Post by Decades » 15 Jan 2017 11:21

È già iniziato il carosello di commenti per demolire il disco dei Baustelle. Come al solito dire che sia orrendo è un passo importante per diventare alternativi veri. A me continuano a piacere e piace anche questo. Quelli che vogliono l'innovazione a tutti i costi io non li capisco. Doveva essere un disco "oscenamente pop"? è oscenamente pop. Criticarli per aver raggiunto lo scopo prefissato è proprio sintomo di cretinaggine.
Image

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: Odradek and 57 guests