Report Made in Italy 09/03/2014 Parte 1

Anno nuovo, nuova formula. Ecco il primo Report Made in Italy, relativo alle uscite discorgrafiche che abbiamo ascoltato in questi primi due mesi 2014. Cominciate a prendere dimestichezza con questo metodo di pubblicazione delle recensioni: l’appuntamento si rinnoverà all’incirca ogni due mesi e permetterà a noi e a voi di gettare uno sguardo d’insieme periodico sulla situazione delle nuove uscite italiane.
Alcuni dischi più meritevoli di attenzione, in positivo e in negativo, vengono trattati separatamente in articoli estesi: è stato il caso nelle scorse settimane dei recommended Melampus, Non voglio che Clara e Be Forest, ovvero i tre album migliori usciti fino ad ora, ma anche il buon ritorno degli Zen Circus e di Brunori SaS e l’insufficienza piena del menestrello indie Dente. Nella guida all’ascolto che segue troverete ottimi debutti, brillanti conferme, un po’ di dischi mediocri e qualche lavoro che vi consigliamo di evitare. Leggete, approfondite, e venite a discutere nel nostro forum eventuali giudizi non condivisi.


Parte 1
 • Parte 2

 

2Pigeons
Akustik
67
/100
Adam Carpet
Adam Carpet
64
/100
Be Forest
Earthbeat
80
/100
Betti Barsantini
Betti Barsantini
74
/100
Bluoltremarte
Spomenik
57
/100
Brunori Sas
Il cammino di Santiago in taxi
75
/100
Chanfrughen
Musiche da inseguimento
60
/100
Corni Petar
Novantasei
63
/100
Dente
Almanacco del giorno prima
52
/100
Efrem
Con le nostre carni strette
66
/100
Fabrizio Cammarata & Paolo Fuschi
Skint and Golden
73
/100
Farglow
Meteors Remotes
65
/100
Gambardellas
Ashes
62
/100
G-Fast
Go To M.A.R.S.
64
/100
Hysterical Sublime
Colour EP
72
/100
Social
Info
Report Made in Italy 09/03/2014 Parte 1

Report Made in Italy 09/03/2014 Parte 1

Naviga il report:

1 2
Legenda
Oro: disco chiave, impresincibile
Mercurio: a un passo dall'eccellenza
Argento vivo: brillante conferma
Rame: ottimo esordio
Antimonio: grande, inatteso ritorno
Zolfo: interessante, buono
Stagno: intorno alla sufficienza
Piombo: aurea mediocritas
Ferro: crosta, insufficiente
Disgustorama: pietra dello scandalo