Neon Indian • VEGA INTL. Night School (2015)

articolo di
Neon Indian (2015) VEGA INTL. Night School

Di una cosa siamo assolutamente certi: Alan Palomo si diverte un mondo, al punto di mettersi in posa sulla programmatica copertina del nuovo album. L’impatto emotivo ermetico di Psychic Chasms e quello più manifesto di Era Extrana vengono sacrificati in nome del Dio del Divertimento con l’uscita di VEGA INTL. Night School, e questo non ci dispiace particolarmente. Il valore di quei due album dovrebbe ormai esser chiaro a tutti, soprattutto di quello del 2009, un classico istantaneo per chi c’era. Non c’è il tempo di fermarsi, bisogna assecondare il proprio umore senza perdere di vista le proprie peculiarità, è così che di solito ci si guadagna il rispetto degli addetti ai lavori. Tranquilli, la componente nostalgica non è stata affatto cestinata, si è soltanto evoluta. Il singolo “Annie” è stato decisamente spiazzante ma è ben presto diventato una droga, come a dire “fidatevi dell’Indiano”.

VEGA INTL. Night School riporta il sound del progetto Neon Indian negli States, rivolgendo uno sguardo sognante e un po’ malinconico al Giappone, quasi da scena del karaoke di Lost in Translation. Eredita i colori dell’infanzia da Psychic Chasms (le basi di “Street Level” e “Smut!” sono estremamente eloquenti) ma rinuncia alla loro natura estremamente lo-fi, e allo stesso tempo fa tesoro dell’esperienza melodica di Extrana. Le linee vocali, che al neon stavolta lo sono davvero, scendono dalle insegne dei locali notturni per omaggiare il funk e la disco music senza vergogna alcuna. E, perché no, anche i cartoni animati di fine anni ‘70, come un anno fa aveva fatto Ariel Pink con pom pom, compagno d’ascolto ideale di VEGA, ma solo se si è in vena di pazzie e irriverenza sonora. Il finale di “Slumlord” darà fastidio soltanto agli italiani (e forse anche a Steve Albini, ma questa è un’altra storia), tutti gli altri ne avranno già memorizzato l’arpeggio iniziale e il ritornello. Non stiamo parlando di canzoni che fanno la storia, ma l’album è davvero riuscito, coerente, non si esaurisce subito e acquista maggiori attrattive ascolto dopo ascolto. L’evoluzione ci sta tutta, l’urgenza di divertirsi traspare ed è particolarmente contagiosa. Se ci state, ascoltatevelo guardando le visual gentilmente fornite sul sito neonindian.com. Altrimenti, “News from the Sun” in conclusione non ve la meritate.

Social
Info
Neon Indian (2015) VEGA INTL. Night School

Neon Indian

VEGA INTL. Night School

2015 • neon slumlord

82
/100

Archivio:

Links
Media
Legenda
Oro: disco chiave, impresincibile
Mercurio: a un passo dall'eccellenza
Argento vivo: brillante conferma
Rame: ottimo esordio
Antimonio: grande, inatteso ritorno
Zolfo: interessante, buono
Stagno: intorno alla sufficienza
Piombo: aurea mediocritas
Ferro: crosta, insufficiente
Disgustorama: pietra dello scandalo