A Place to Bury Strangers • Onwards to the Wall EP (2012)

articolo di
A poco più di due anni da Exploding Head, tempo non sufficiente a smorzarne l’impatto per buoni tratti devastante, il trio di New York batte un colpo, con decisione. Cinque pezzi, quantomai maturi, in cui il duello tra la voce di Oliver Ackermann e il muro sonoro si fa sempre più leale e quasi garbato… Senza che la potenza ne risenta, non temete! Nessun altro suona come loro: ce ne si convince ogni minuto di più, nella fremente attesa del prossimo capitolo.
Social
Info
A Place to Bury Strangers (2012) Onwards to the Wall EP

A Place to Bury Strangers

Onwards to the Wall EP

2012 • new noise

77
/100

Archivio:

Links
Legenda
Oro: disco chiave, impresincibile
Mercurio: a un passo dall'eccellenza
Argento vivo: brillante conferma
Rame: ottimo esordio
Antimonio: grande, inatteso ritorno
Zolfo: interessante, buono
Stagno: intorno alla sufficienza
Piombo: aurea mediocritas
Ferro: crosta, insufficiente
Disgustorama: pietra dello scandalo