Shamir • Ratchet (2015)

articolo di

Prima prova su LP per il talentuoso singer/songwriter Shamir: giovane leva della musica electro-pop americana classe ’94, di cui gli amanti del genere hanno già avuto modo di parlare grazie al suo fortunato EP “Northtown” targato 2014. Direttamente dal Nevada, Ratchet comprime tutti i colori e gli abbagli della Las Vegas notturna in appena 40 minuti di musica dance, accompagnata da tutte le contraddizioni caratteristiche di una città notoriamente ambigua. A partire dalla voce, a dir poco inconsueta, l’ascolto non fa che sottolineare l’equivocità del personaggio, costantemente in bilico tra ottime intuizioni e scelte discutibili. Le hit ballabili non mancano, ma il suono eccessivamente stereotipato insieme a momenti decisamente sotto tono alimentano l’impressione di un lavoro troppo fiacco e superficiale per essere più di una comparsa in un’anno ancora decisamente poco convincente. Speriamo di ritrovarlo in futuro con materiale più maturo e concreto.

Social
Info
Shamir (2015) Ratchet

Shamir

Ratchet

2015 • electro pop

68
/100

Archivio:

Links
Media
Legenda
Oro: disco chiave, impresincibile
Mercurio: a un passo dall'eccellenza
Argento vivo: brillante conferma
Rame: ottimo esordio
Antimonio: grande, inatteso ritorno
Zolfo: interessante, buono
Stagno: intorno alla sufficienza
Piombo: aurea mediocritas
Ferro: crosta, insufficiente
Disgustorama: pietra dello scandalo