D'Angelo and The Vanguard • Black Messiah (2014)

articolo di

Ci sono dei momenti nella storia di una scena musicale in cui qualcuno arriva (o torna) per rimettere in regola i conti, sistemare le carte e ridare un’identità smarrita. Dopo più di un decennio ecco D’Angelo a rispiegarci la black music, e il titolo di questo suo nuovo lavoro assieme a The Vanguard calza a pennello. Anzi, è profetico.

Un cosmo di influenze traccia il cammino di questo LP trascinandosi dietro un’intera comunità, dando vita ad un mondo talmente vasto che risulta difficile da inquadrare nonostante la sua natura apertamente schierata. Il sex symbol di Voodoo si nasconde dietro ad un coro di voci uniche composto da esperienze e richiami; qualsiasi cosa gli sia successa in tutti questi anni siamo sicuri che gli abbia fatto bene, l’attesa è stata ampliamente ripagata. Difficile anche solo nominare una traccia a dispetto di un’altra come magari era possibile nella sua passata discografia, a questo giro ha forgiato per noi un mattone della soliditá del diamante, fondendo insieme passato e futuro. La struttura è sparita senza rimpianti, rimpiazzata da un flusso emotivo continuo in cui ogni elemento viene indirizzato (ma mai domato) da una mente superiore, responsabile della creazione di un ordigno poliedrico sorprendentemente raffinato in ogni suo piccolo dettaglio. Tutto questo a servizio delle emozioni più radicate nell’animo umano senza mai snaturarsi, mantenendo sempre un buon gusto disarmante. Nessuna traccia di pacchiano nemmeno per noi europei estremamente lontani dalle cadute di stile, a dir poco frequenti, classiche dei protagonisti di questa scena. Un lavoro universale.
Sono eventi del genere che segnano la storia. Ci troviamo davanti ad un classico istantaneo e se ne sono accorti subito tutti, era impossibile rimanere indifferenti.
Il confine della musica è superato lasciando il posto ad un’armonia universale in cerca di un riscontro nel mondo concreto. Dov’è tutto quello che ci fa sentire D’Angelo? questa è una bella domanda e meriterebbe una risposta ancora migliore, ognuno ha la propria.

Social
Info
D’Angelo and The Vanguard (2014) Black Messiah

D'Angelo and The Vanguard

Black Messiah

2014 • black messiah

88
/100

Archivio:

Links
Media
Legenda
Oro: disco chiave, impresincibile
Mercurio: a un passo dall'eccellenza
Argento vivo: brillante conferma
Rame: ottimo esordio
Antimonio: grande, inatteso ritorno
Zolfo: interessante, buono
Stagno: intorno alla sufficienza
Piombo: aurea mediocritas
Ferro: crosta, insufficiente
Disgustorama: pietra dello scandalo